Non puoi recarti in nessuno studio?
Trova un avvocato online

Mio padre minaccia di escludermi dalla sua eredità

Inviata da Mariella. 14 ott 2015 Eredità

Salve a tutti gentili avvocati,
dopo lunghe e interminabili discussioni con mio padre di 70 anni, siamo veramente ai ferri corti. Durante l'ultima discussione ha persino minacciato di volermi escludere dalla sua eredità, soltanto per farmi sentire dipendente da lui e acconsentire alle sue insopportabili richieste. La famosa quota legittima può essere esclusa in vita dal donante?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Nel nostro ordinamento giuridico la diseredazione NON è ammessa e Lei, in quanto discendente (figlia), è un legittimario e come tale, la Sua quota di eredità - cd. legittima - è intangibile, con l'ovvia conseguenza che Suo padre NON potrà escluderla dall'eredità.

Per ogni ulteriore delucidazione rimango a Sua disposizione

Cordiali Saluti
Avv. Enrica Anerdi

Studio legale avvocato Enrica Anerdi Avvocato a Alessandria

28 Risposte

850 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Mariella, sicuramente, essendo lei figlia, esiste la quota di legittima, il che significa che una parte del patrimonio di suo padre, al momento della sua morte, non potrà essere destinata ad altri che a Lei.
Bisogna però intendersi su un punto. Suo padre potrà donare tutti i suoi beni o una parte di essi, così come potrà fare un testamento che La esclude dalla platea degli eredi. Ove si dovesse realizzare una tra queste ipotesi - o entrambe - gli atti di per sé sarebbero efficaci e per tutelare la Sua quota di legittima Lei dovrebbe rivolgere le sue pretese contro quei soggetti che hanno beneficiato delle disposizioni fatte in vita da suo padre.
Con l'ulteriore precisazione che mentre per il testamento ogni azione ipotizzabile potrà essere compiuta solo dopo la pubblicazione del testamento, per le donazioni (che, invece, si fanno in vita, evidentemente) è prevista una forma di tutela (l'opposizione con relativa trascrizione) che può essere compiuta da subito e che è prevista proprio per salvaguardare la legittima (art. 563 c.c.).
In ogni caso, è opportuno che Lei si rivolga personalmente ad un legale che saprà illustrarle tutte le questioni in modo più esteso di quanto non sia possibile farlo qui, con un breve commento.
Confido di avrerLa aiutata e La saluto Cordialmente
Avv. Duilio Cuoci

Avvocato Duilio Cuoci Avvocato a Viareggio

57 Risposte

174 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

salve il ns ordinamento non conosce quella che in gergo si chiama la diseredazione,pertanto lei ha diritto a ricevere la sua quota d spettanza.a disposizione

Avv. Roberta Rossetto Avvocato a Pisa

63 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

salve buongiorno no non può essere esclusa dalla eredità

Avv. Roberta Rossetto Avvocato a Pisa

63 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Stia tranquilla. La quota legittima è tutelata dalla legge. Nell’ipotesi in cui il testatore leda la quota di legittima, escludendo nel testamento l’erede legittimario dalla successione al proprio patrimonio, quest’ultimo potrà eseguire l’azione di riduzione allo scopo di reintegrare la sua quota di legittima lesa. Saluti.

Avv. Pier Paolo Agostini Avvocato a Cosenza

5 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Assolutamente no! Su questo può stare tranquilla, la legge riserva una quota di eredità ai figli, in percentuale variabile a seconda se vi siano altri fratelli o il coniuge, sulla quale chi fa il testamento non può neppure imporre pesi o condizioni (art. 549 cod. civ.)

Studio Legale Avv. Cavallaro Avvocato a Roma

168 Risposte

197 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gent.le Sig.ra Mariella,
i colleghi che mi hanno preceduto hanno perfettamente ragione.
Nel ns. ordinamento non è consentita la lesione della c.d. quota di legittima.
A disposizione per eventuali chiarimenti
Avv. Enrico Carti

Avv. Enrico Carti Avvocato a Firenze

5 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Concordo con quanto asserito da chi mi ha preceduta. Suo padre NON può escluderla, quanto meno dalla quota di legittima che le spetta per legge, ed anche se suo padre dovesse liberarsi del suo patrimonio si sono strumenti che le consentono di agire successivamente alll’apertura della successione.
A disposizione per ulteriori chiarimenti, saluto cordialmente.
Avv. Loretta Davanzo

Avvocato Loretta Davanzo Avvocato a Lecco

52 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gent.le Mariella,
le minacce di suo padre sono e restano lettera morta.
Il Codice Civile non contempla la fattispecie della diseredazione ma solo quella della indegnità a succedere ed i casi sono tassativamente elencati.
Nel suo caso non ravvedo alcuna circostanza che possa essere rapportata al'istituto dell'indegnità.
Cordiali Saluti
Avv. Stefano Di Donato
Ravenna

Studio Legale Della Ratta & Di Donato Avvocato a Ravenna

43 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera. No, può stare tranquilla. Se ciò accadesse si può agire in giudizio per l' azione di riduzione della legittima per tutelare il suo diritto eventualmente leso. Cordialmente.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

gentile Sig.ra Mariella tecnicamente non può essere privata della quota di legittima ma nella pratica la norma può essere aggirata e la cosa è più frequente di quanto si pensi.
Suo padre ad esempio potrebbe spogliarsi di tutti i beni immobili prima della morte e dare i soldi agli altri eredi oppure fare delle donazioni modali e così via.
In tutti i casi lei si troverebbe costretta a instaurare una causa contro gli altri eredi per vedere riconosciuto il suo diritto almeno che non siano loro a riconoscerlo.
Chiaramente se suo padre si limitasse ad escluderla dal testamento la causa sarebbe molto semplice, negli altri casi per riavere quello che le spettava saranno necessarie tutta una serie di documenti e prove.
Cordialità
Avv. Gaetano Puglia

Studio Legale Puglia Avv. Gaetano Avvocato a Piacenza

1038 Risposte

1323 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Dagli studi di diritto civile si apprende che la disereditazione è ammessa solo se sussista una attribuzione positiva, vale a dire altra disposizione nei suoi confronti.
Inoltre mi appare a prima vista molto strano il contegno del suo genitore, laddove si consideri che, quale discendente, Lei è successore necessario e quindi può avere diritto alla quota di legittima, diritto che troverebbe anche fondamento nella nostra Carta Fondamentale.
Mi riservo tuttavia di esaminare meglio la questione. soprattutto per aspetti riguardanti una possibile clausola di disereditazione che ancora è molto controversa fra gli addetti ai lavori

Avv. Michele Vissani Avvocato a San Severino Marche

104 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

L'eventuale diseredazione in testamento sarebbe senz'altro nulla.
Con l'aiuto di un legale riuscirebbe ad ottenere la quota che la legge le riserva di diritto. Questo procedimento potrebbe essere complicato da eventuali atti compiuti in vita da suo padre in favore di terzi.

Studio Legale Amoroso Avvocato a Milano

45 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera,
Suo padre non può decidere di escluderla dall'eredità in quanto ciò non è ammesso. La sua quota di legittima le spetta senz'altro.
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento.
Cordialmente
Dott.ssa Ida Francesca Ginori

Avv. Ida Francesca Ginori Avvocato a Catanzaro

33 Risposte

39 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buona sera non sarà possibile escluderla dall' eredità il nostro ordinamento non lo consente, pertanto la quota di legittima le deve assolutamente essere corrisposta. A disposizione per ogni necessità futura

Monica Ghiloni Avvocato Avvocato a Carrara

276 Risposte

75 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sig.ra Mariella, associandomi a quanto già scritto dai colleghi in merito al fatto che suo padre non possa escluderla dalla successione ereditaria, spero di farle cosa gradita nel precisare quanto di seguito.
I legittimari, secondo il testuale disposto dell’art. 536 cod. civ. sono “le persone a favore delle quali la legge riserva una quota di eredità o altri diritti (che) nella successione sono: il coniuge, i figli, gli ascendenti. Ai figli sono equiparati gli adottivi. (2) A favore dei discendenti dei figli, i quali vengono alla successione in luogo di questi, la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli.”
Poiché secondo l’art. 457 del codice civile “le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari” è di tutta evidenza che suo padre non possa escluderla dalla successione ereditaria.
Tuttavia, tenga a mente che suo padre, in vita, è libero di disfarsi del patrimonio (con possibilità, in caso di problematiche connesse alle capacità intellettive, anche, di depauperarlo). Naturalmente, ove vengano posti in essere atti in favore di altri legittimari, questi determineranno specifici effetti in sede successoria che per brevità qui mi astengo dall'esporre.
In tale prospettiva, ove suo padre mostri una compromissione delle capacità intellettive, a causa ad esempio di patologie come l’alzheimer, Lei potrà può valutare la possibilità di rivolgersi al Giudice Tutelare e chiedere la misura protettiva dell’amministrazione di sostegno, onde proteggere la persona ed il patrimonio del genitore.
Spero di essere stata esaustiva.
Cordialmente
Avv. Donatella De Caria

Studio Legale dell'Avv. Donatella De Caria Avvocato a Roma

7 Risposte

9 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno sig.ra Mariella,
Suo padre non può assolutamente escluderla dall'eredità. Per il nostro ordinamento lei ha diritto alla Sua quota di eredità: cd legittima.
A disposizione per ogni chiarimento e informazione.
Cordiali saluti.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Sig.ra Mariella, Suo padre non può diseredarla. Quello che potrebbe verificarsi e che Suo padre la escluda da un eventuale testamento. In tal caso avrà facoltà di impugnarlo per lesione della quota c.d. di legittima, cioè per lesione di quella quota che la legge riserva ai legittimari, quale Lei senz'altro è, che varia a seconda del numero e titolo degli eredi e che però è senz'altro inferiore a quella che spetterebbe in mancanza di testamento.
Cordiali saluti.
Avv. Vincenzo Gurrado

Studio Legale Gurrado Avvocato a Matera

23 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno non è ammessa la diseredezione e leo in quanto figlia ha diritto alla legittima bisogna valutare comunque la situazione.
DISTINTI SALUTI AVV.GIOVANNA ORIANI

Avv. Giovanna Oriani Avvocato a Napoli

772 Risposte

353 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Non è ammessa l'esclusione dell'erede legittimario dall'eredità; suo padre, per testamento, può disporre soltanto della quota cd. disponibile del suo patrimonio, ma non può disporre della cd. quota di riserva che spetta al coniuge e ai figli in quanto "legittimari". Si tratta di quota che varia a seconda di quanti siano i legittimari (solo coniuge, coniuge e un figlio, coniuge o più figli, solo figli)
Cordiali saluti
avv. Fulvio Luzzi Conti

Avv. Fulvio Luzzi Conti Avvocato a Udine

54 Risposte

93 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno.
Assolutamente impossibile. Confermo quanto già anticipato dal colleghi.
Cordialità.

Anonimo-159329 Avvocato a Padova

1 Risposta

3 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara mariella,
anche se suo padre dovesse estrometterla completamente dal proprio asse ereditario la sua quota di legittima rimane tutelata dall'ordinamento. Alla morte di suo padre, una volta verificata la sua estromissione, potrà impugnate gli atti di disposizione fatti e chiedere la reintegrazione.
Le ricordo tuttavia che gli eredi , fino a quando il de cuius è in vita, godono solo del diritto di aspettativa e che ognuno è libero di disporre liberamente delle proprie sostanze: spesso si ereditato solo debiti.
Per il momento non le resta che aspettare.
Avv. Maria Croce

Avv. Maria Croce Avvocato a Pescara

144 Risposte

77 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Come figlio Le spetta la quota legittima dell'eredità del padre, per nulla al mondo può esserle tolta. Suo padre è libero di disporre della quota disponibile dell'eredità, ma la Sua legittima è intangibile. Il nostro ordinamento ammette la diseredazione solo per soggetti non titolari di quota legittima.
A Sua disposizione per altri chiarimenti. Distinti saluti.
Avv. G. Massimo ALESSANDRO

Studio Legale G. M. Alessandro Avvocato a Messina

9 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Egr.a Sig.ra Mariella,
in punta di diritto la quota di legittima le spetta. Tuttavia registro casi in cui è possibile che un legittimario possa venire privato della sua quota se il de cuius opera anche con contratti simulati o altro per sistemare le cose in modo da non lasciare in eredità nulla o quasi ad un figlio. Per cui aldilà della spiacevole situazione le consiglio di rivolgersi ad un legale esperto in diritto successorio per approntare tutte le sue tutele.

Cordiali Saluti

Anonimo-150314 Avvocato a Cesena

70 Risposte

50 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Signora Mariella, buongiorno.
La quota di legittima è una parte ben precisa dell'asse ereditario di cui il de cuius non può disporre e si differenzia dalla cosiddetta quota disponibile, che è, invece, quella parte di beni di cui si può disporre liberamente mediante testamento.
Al fine di impedire che il divieto di disporre della legittima venga eluso dal soggetto in vita, il nostro ordinamento prevede il rimedio dell'azione di riduzione, che è finalizzata a far dichiarare invalidi gli atti lesivi della suddetta quota di legittima (sia che essi siano stati compiuti in vita, ad esempio donazioni, o a causa di morte, ad esempio con il testamento).
La minaccia di Suo padre, pertanto, oltre che spiacevole sul piano umano, è priva di qualsivoglia fondamento dal punto di vista giuridico.
Nella speranza d'aver risposto in maniera chiara ed esaustiva al quesito posto, resto a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti e/o approfondimenti.
Con i più cordiali saluti.
Avv. Simone Rinaldini

Avv. Simone Rinaldini Avvocato a Sassuolo

51 Risposte

155 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

No. Le auguro comunque di non avere più tali discussioni con suo padre.
Avv. Sandra Macis

Avv. Sandra Macis Avvocato a Cagliari

424 Risposte

420 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Avvocati specializzati in Eredità

Vedere più avvocati specializzati in Eredità

QANDA_other_questions_related_ttl

Esponi il tuo caso ai nostri avvocati

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento legale in 48h.

50 QANDA_form_question_details_hint

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. QANDA_form_public_description2_lbl

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle consulenza non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle consulenza non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

QANDA_form_send_feedback_ttl

QANDA_form_send_feedback_lbl

QANDA_form_question_already_exists_ttl

QANDA_form_question_already_exists_txt

avvocati 8950

avvocati

domande 12300

domande

Risposte 41850

Risposte