Non puoi recarti in nessuno studio?
Trova un avvocato online

come uscire da un immobile in comproprietà?

Inviata da mariangela mascolo. 29 mar 2019 Diritto immobiliare

Ho acquistato una casa in comproprietà con il mio ex compagno e padre di mia figlia...Da premettere l immobile è stato acquistato il 30 di ottobre 2018 e la nostra relazione è terminata a fine novembre!!io e mia figlia siamo tornate a casa dei miei genitori in un altra regione!!Io non voglio più saperne di questa casa anche perche non intendo tornare in quella regione mentre lui la vuole a tutti i costi e ne ha preso pieno possesso da pochi giorni,mentre ne io ne mia figlia non abbiamo abitato neanche per un giorno....!!Il problema più grande e che lui non vuole liquidarmi con soldi che io ho anticipato per pagare l agenzia immobiliare e la caparra per appartamento!!!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Mariangela,

con riferimento al suo caso, la informo che in mancanza di accordo, sarà necessario rivolgersi al giudice del tribunale territorialmente competente, al fine di ottenere la divisione giudiziale dell'immobile. Il giudice, ove riscontrasse difficoltà, potrà ordinare anche la vendita dell'immobile.

Ad ogni modo, consiglierei intanto di provare stragiudizialmente, facendo presente i rischi ed i costi a cui andrebbe incontro in caso di rifiuto ad accordarsi.

Spero di essere stata d'aiuto.
Per ulteriori chiarimenti e/o dubbi sul punto non esiti a contattare lo studio.

Avv. Eleonora Tripi
The Italian Lawyer

The Italian Lawyer Avvocato a Milano

106 Risposte

387 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Mariangela,
la soluzione più conveniente per tutti è raggiungere un accordo.
Le consiglio di scrivere, tramite legale, al suo ex, richiedendo quanto dovuto o, eventualmente, l'affitto per la quota di sua proprietà.
In caso di risposta negativa, dovrà attivare il procedimento di divisione dell'immobile, nel corso del quale, se l'immobile non dovesse essere facilmente divisibile, il Giudice potrà disporre la vendita all'asta con divisione del ricavato tra i comproprietari.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti e azioni da intraprendere.
Distinti saluti
Avv. Alessandro Tadei

Avv. Alessandro Tadei Avvocato a Fano

425 Risposte

407 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Signora,
se il suo ex compagno si oppone alla vendita, e non ha l’intenzione di rilevare le quote altrui, si può procedere alla c.d. divisione giudiziale.
La divisione giudiziale consiste in un procedimento introdotto con atto di citazione avanti il Tribunale territorialmente competente (ove si trova l’immobile).
Si radica così una causa civile a tutti gli effetti, allo scopo di procedere allo scioglimento della comproprietà e quindi alla divisione delle quote.
Nel corso del processo l’immobile sarà periziato e valutato da un consulente del Tribunale, il quale avrà altresì l’incarico di valutare se sussista o meno la possibilità di una divisione materiale del bene. L’esito del procedimento, ove non si raggiunga un accordo tra le Parti, consiste nella vendita all’asta del bene e nella liquidazione del valore delle rispettive quote. La procedura giudiziale comporta il rischio di vendere il bene a un valore fortemente inferiore a quello commerciale; è quindi opportuno valutare con attenzione, se concretamente non esista la possibilità di un passaggio di quote tra i comproprietari o di una vendita libera e volontaria a terzi, così da realizzare un prezzo congruo rispetto al valore. Sempre pronto ad eventuali approfondimenti del caso l’occasione mi è gradita per porgerle distinti saluti.
Avv. Francesco Zofrea

Studio Legale Zofrea Avvocato a Caltanissetta

2028 Risposte

1549 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, provi a mettere in vendita la sua quota dell'immobile è possibile che il suo ex cambi idea e decida di acquistarla, altrimenti chieda la divisione giudiziale mediante un avvocato del luogo di sua fiducia.
Cordiali saluti
Avv. Jacopo Pepi, Firenze

Studio Avvocati Pepi Avvocato a Firenze

407 Risposte

363 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile signora L'Ascoli,nel Suo caso può vendere ad un terzo la sua quota di proprietà oppure chiedere giudizialmente la divisione E,se impossibile,la vendita all'asta dell'immobile.Cordialmente avv.Alfredo Guarino Napoli

Avv. Alfredo Guarino Avvocato a Napoli

3466 Risposte

1035 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Avvocati specializzati in Diritto immobiliare

Vedere più avvocati specializzati in Diritto immobiliare

QANDA_other_questions_related_ttl

Esponi il tuo caso ai nostri avvocati

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento legale in 48h.

50 QANDA_form_question_details_hint

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. QANDA_form_public_description2_lbl

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle consulenza non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle consulenza non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

QANDA_form_send_feedback_ttl

QANDA_form_send_feedback_lbl

QANDA_form_question_already_exists_ttl

QANDA_form_question_already_exists_txt

avvocati 8900

avvocati

domande 12050

domande

Risposte 41200

Risposte