Uno dei figli può obbligare un genitore a vendere la casa?

Inviata da Iry. 22 giu 2022 Diritto immobiliare

I miei genitori erano proprietari al 50% di una casa, quando è venuto a mancare mio padre, mia madre, io e i miei due fratelli abbiamo ereditato una quota. Mia madre ed io attualmente siamo residenti nell'immobile, lei percepisce una pensione di reversibilità mentre io pur lavorando non possiedo un posto fisso. Uno dei miei fratelli minaccia mia madre di forzarla a vendere la casa perché lui vuole la sua quota in contanti, altrimenti io, mia madre e l'altro mio fratello dobbiamo pagargli la quota (e non disponiamo di tale somma). Può forzare il genitore in vita a vendere la casa in questo caso?
(Mio fratello ha un posto fisso e una casa sua, quindi non è in alcun modo indigente).

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

In caso di comunione, uno di questi può chiedere lo scioglimento, procedendo prima con la mediazione al fine di trovare un accordo
Diversamente può agire in giudizio, e se nessuno degli altri comproprietari acquista la quota di chi vuole scioglere la comunione, la casa viene messa in vendita all'asta per liquidarlo.
Conviene trovare un accordo
A disposizione
saluti

Studio Legale Avv. Laura Ferrari Avvocato a Novara

462 Risposte

169 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buon giorno,
occorre iniziare una Mediazione Civile (meno costosa di una causa giudiziale), al fine o di trovarev un accordo (uno compra le quote degli altri) oppure scehliere una o due agenzie e mettere in vendita la casa, con mandato a vendere firmato da tutti i compriprietari.
Grazie
Elena Tomayer

Studio Legale Tomayer Avvocato a Milano

19 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Iry,
sua madre, nella sua qualità di coniuge ( tra l'altro anche comproprietaria della casa coniugale) ha il diritto ai sensi dell'art 540 c.c. di abitazione e di utilizzo dei mobili presenti nella casa coniugale.
Questo significa che se una persona decede, il marito o la moglie rimasto in vita ha diritto a vivere nell’immobile e a utilizzare i mobili fino alla propria morte e gli altri eredi non potranno sfrattarlo.

Cordialmente

Avv. Emanuela Pesce Avvocato a Milano

481 Risposte

136 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Suo fratello,previa mediazione,può costringere alla vendita all'asta,se non è possibile la divisione della sua quota ma Sua madre gode del diritto di abitazione gratuita sino alla morte:è ben difficile che si trovi un compratore (dipende anche dall'età e dalle condizioni di Sua madre) ,considerando peraltro che la procedura di espropriazione immobiliare è molto onerosa.In siffatte condizioni potrebbe acquistarsi a costi ridotti la sua quota ereditaria.Cordialmente,avv.Alfredo Guarino

Avv. Alfredo Guarino Avvocato a Napoli

3928 Risposte

1359 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Avvocati specializzati in Diritto immobiliare

Vedere più avvocati specializzati in Diritto immobiliare

QANDA_other_questions_related_ttl

Esponi il tuo caso ai nostri avvocati

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento legale in 48h.

50 QANDA_form_question_details_hint

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. QANDA_form_public_description2_lbl

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle consulenza non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle consulenza non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

QANDA_form_send_feedback_ttl

QANDA_form_send_feedback_lbl

QANDA_form_question_already_exists_ttl

QANDA_form_question_already_exists_txt

avvocati 8950

avvocati

domande 14200

domande

Risposte 44250

Risposte