Separazione conviventi con figli

Inviata da Sara. 13 feb 2018 · 6 Risposte · Separazione

Buongiorno,

Mi sto separando dal mio compagno e padre di mia figlia di 4 anni. Abbiamo una casa e un mutuo cointestato. Quello che vorrei sapere è se per la separazione bisogna necessariamente passare per avvocati e tribunale.
Io e il mio ex compagno siamo in buoni rapporti e vorremmo accordarci tra di noi. Mi sembra folle dover impostare dei diritti di visita per il padre quando può liberamente vedere sua figlia tutte le volte che vuole. Sapendo anche che alla bambina farebbe solo piacere passare del tempo con entrambi. Grazie in anticipo per le vostre risposte.

Argomenti simili

6 Risposte

  • Miglior risposta

    Si rivolga ad un legale, insieme al suo compagno se siete d'accordo, e fatevi aiutare nella stesura di un ricorso congiunto che preveda diritti di visita ampi, modificabili con il vostro accordo, oltre ad una somma di contribuzione per la minore a carico del suo compagno
    E' una miglior tutela per sua figlia, non si sa mai cosa può accadere
    Resto a disposizione
    saluti

    Pubblicato Ieri, 20 Febbraio 2018

    Logo Studio Legale Avv. Laura Ferrari

    203 Risposte

    57 Valutazioni positive

Spiega il tuo caso ai nostri avvocati

Qual è la tua domanda? Avvocati esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come vuoi inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli avvocati della tua zona
    Per selezionare gli avvocati più adatti
    • 7950 Avvocati a tua disposizione
    • 8550 Domande inviate
    • 27250 Risposte inviate
    • Gent.le Signora i provvedimenti del giudice sono a tutela dell' interesse superiore del minore . Se lei ed il suo e compagno siete in buoni rapporti potete presentare un ricorso congiunto ex artt.337 bis e seg. Codice Civile . per prospettare al tribunale un accordo per la regolamentazione della situazione riguardo al minore. Le ricordo che la regola è l' affido condiviso ,del minore . Riguardo al diritto di visita potete stabilire che il genitore non residente con il minore può vedere il figlio ogni volta che lo desidera previ accordi con l' altro genitore e compatibilmente con l' esigenze del minore..
      A sua disposizione per qualsiasi chiarimeto o ulteriori informazioni
      Cordiali saluti Avv. Anna Maria Casadei

      Pubblicato 15 Febbraio 2018

      Logo Studio Legale Avv Anna Maria Casadei

      24 Risposte

      3 Valutazioni positive

    • Gentile Signora Sara,
      il punto non è la fine del Vostro rapporto ma la tutela di Vostra figlia I provvedimenti che il giudice adotta ( ai sensi dellì'art 337 ter cod. civ ) nell'esclusivo interesse del minore e che possono essere esattamente in linea con gli accordi intervenuti tra i genitori rivestiranno natura esecutiva per quanto riguarda la parte economica e obbligatoria per quanto riguarda gli altri aspetti.
      Sono a disposizione per ogni chiarimento
      Cordiali saluti

      Pubblicato 14 Febbraio 2018

      Logo Avv. Emanuela Pesce

      102 Risposte

      22 Valutazioni positive

    • Buon giorno, non esiste nessun obbligo di regolarizzare la situazione avanti a giudici o avvocati, benchè sia consigliabile, in quanto, l'accordo odierno potrebbe "saltare" per qualsiasi ragione in futuro, e determinare problemi, a quel punto di difficile soluzione.
      Il mio consiglio è regolarizzare ora la posizione finché c'è l'accordo, chiarendo doveri e diritti. Poi si può lasciare le regole più libere, ma in caso di problemi , le regole esistono e si possono applicare immediatamente , senza discussioni e senza dover attendere il provvedimento di un giudice. Purtroppo le cose cambiano, nuovi partner nel rapporto, diverse condizioni economiche o scelte di vita, potrebbero scardinare i buoni rapporti attuali

      Pubblicato 14 Febbraio 2018

      Logo Avv. Cristina Materazzi

      64 Risposte

      18 Valutazioni positive

    • Gentile Sara,
      essendo in presenza di una figlia minore, ovviamente sì. Bisognerà rivolgersi ad un legale comune per entrambi, stilare condizioni in cui è previsto il calendario di visite della bimba con ciascun genitore, nonchè il contributo al mantenimento della medesima da parte del genitore non collocatario.
      Restiamo a disposizione per ogni necessità.
      Cordiali saluti.
      Studio Legale Giaccardi-Laurino

      Pubblicato 14 Febbraio 2018

      Logo Studio legale Giaccardi-Laurino

      154 Risposte

      203 Valutazioni positive

    • Si è indispensabile che si rivolga ad un legale, sarete voi coniugi a riferire le condizioni della separazione consensuale. Il tutto è semplice e si conclude con una sola udienza.
      Saluti cordiali
      Avv. Sandra Macis
      Cagliari

      Pubblicato 14 Febbraio 2018

      Logo Avv. Sandra Macis

      391 Risposte

      353 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande