Accesso Avvocati Registra il tuo studio gratis

Diritti e doveri di un ex coniuge

Inviata da nina 2015. 5 mar 2016 3 Risposte

Buonasera,
lo scorso ottobre ho ottenuto la separazione consensuale dal mio ex marito con problemi di tossicodipendenza ottenendo l'affido esclusivo dei due figli uno di 18 anni e uno di 14. Dedica ai figli poche ore la domenica. Due mesi dopo ho incontrato un uomo che è diventato il mio attuale compagno, anche lui con due figlie e in via di separazione con la moglie. Persona assolutamente per bene che in accordo con i miei figli frequenta regolarmente la mia casa fermandosi due sere a settimana per dormire. La casa è di mia proprietà anche se la metà è frutto di una donazione del mio ex marito. La possibilità di impugnazione della donazione scadrà a novembre di quest'anno (dieci anni). Per dovere di trasparenza ho informato qualche settimana fa il mio ex marito di questa nuova presenza nelle nostre vite e non l'ha presa per niente bene tanto che una domenica non è venuto a prendersi i figli avvisandomi dieci minuti prima. Come da accordi trascritti sulla sentenza dovevamo concordare le vacanze pasquali, natalizie e ferie estive cosa che io ho fatto tramite mail al mio ex chiedendo la sua disponibilità a prendersi cura dei figli. Anche qui ennesima storia in quanto pretende di sapere che tipo di storia ho intrapreso con il mio compagno, che sviluppi futuri ci saranno e quanto questa persona influirà sui suoi figli anzi mi ha detto chiaramente che vuole sapere che persone ruotano intorno ai suoi figli come se io avessi non un uomo solo ma più di uno. Preciso che io sono una persona per bene, con un lavoro stabile e che il mio attuale compagno è padre di due figlie , in via di separazione dalla moglie e persona assolutamente per bene e che gli accordi tra di noi sono chiari in merito ai rispettivi figli ovvero che nessuno dei due interferirà e si sostituirà al genitore separato. Il mio ex marito attualmente mi risulta a casa in aspettativa, mi paga il mantenimento dei figli in contanti di cui non conosco la provenienza senza rispettare la data prevista. Mi porta i soldi in casa in buste riciclate e strappate quando io non ci sono facendosi aprire dai miei figli che purtroppo non posso costringere a fare diversamente. Di fatto si introduce in casa mia senza il mio consenso. Purtroppo per un errore del mio avvocato non è stato specificato che il pagamento fosse fatto tramite bonifico. Oltre tutto non ha ancora trasferito la residenza e questo non mi consente di percepire da parte dell'Inps gli assegni familiari. Fino a che punto devo fornirgli garanzie rispetto al fatto che la mia nuova relazione non interferirà nella vita dei suoi figli visto che sarebbe nostra intenzione entro un paio di anni di rendere stabile la nostra convivenza e che tale convivenza è comprensiva dei miei figli? E fino a che punto può spingersi lui con le pretese di chiarimenti e garanzie? Ha il diritto di precludermi una possibile convivenza? In questi mesi io non ho mai interferito con la vita e la condotta di mio marito anche se avrei avuto motivo di farlo. Se chiedo il divorzio cambia qualcosa a mio favore? Vi ringrazio per la cortese risposta.

consensuale , divorzio

Miglior risposta

Buonasera Signora,
il Suo ex coniuge non ha alcun diritto di interferire con la Sua vita privata e, quindi, di pretendere informazioni circa il Suo attuale partner ed i vostri progetti futuri, od impedirLe di avviare in futuro una nuova convivenza. Soltanto nel caso in cui la Sua nuova relazione sentimentale nuocesse al benessere dei figli (ad esempio nel caso in cui il Suo compagno ponesse in essere comportamenti scorretti nei riguardi dei ragazzi) il Suo ex coniuge potrebbe sindacare il Suo comportamento.
Quanto sopra vale sia nel caso in cui i coniugi siano soltanto separati, sia nel caso in cui siano divorziati.
Il divorzio pone definitivamente fine al matrimonio e gli effetti principali sono il mutamento dello stato civile (per cui il coniuge divorziato può contrarre nuovo matrimonio) e la perdita dei diritti ereditari.
Resto a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti e La saluto cordialmente.
Avv. Rossana Merlo - Torino

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Signora,
il nostro ordinamento non prevede alcuna disposizione che vieti al coniuge separato di far entrare un nuovo compagno nella casa familiare.
Entrambi i coniugi, dopo la separazione, hanno diritto di rifarsi una vita conoscendo una nuova persona e iniziando, eventualmente, una convivenza poiché dopo la separazione legale non sussiste più per entrambi l’obbligo di fedeltà coniugale.
Convivenza che può stabilirsi nella ex casa familiare ove vivano i figli minori.
Suo marito potrebbe opporsi all'ingresso del Suo nuovo compagno nella ex casa familiare, solo qualora la presenza di questa persona arrechi pregiudizio ai figli minori.
Tale circostanza dovrà essere provata e valutata dal Giudice a seguito di indagini effettuate tramite gli assistenti sociali.

Sotto il profilo economico, le preciso che una nuova convivenza potrebbe consentire al Suo marito di diminuire o, addirittura, eliminare l’assegno di mantenimento in Suo favore, ma non quello a favore dei figli.
Per quanto riguarda, invece, le modalità di corresponsione dell'assegno, Le consiglio di comunicare formalmente a Suo marito che intende ricevere l'assegno tramite bonifico bancario.
Il mio Studio è a Sua disposizione per ogni, eventuale, approfondimento della questione.
Cordiali saluti.
Avv. Lucilla Navarra

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

8 MAR 2016

Logo Avv. Lucilla Navarra Avv. Lucilla Navarra

332 Risposte

105 voti positivi

Gentile signora,sino al divorzio Lei e' ancora coniugata e,quindi,non dovrebbe convivere more uxorio,cioe' come se fosse coniugata,con altri uomini;per il resto Lei puo' impedire l'accesso nella Sua abitazione,comunicando formalmente come intende ricevere l'assegno di mantenimento.Infine,per quanto concerne i figli,Suo marito puo' chiederle come puo' relazionarsi con loro e come intende occuparsi delle loro cura e formazione ma non potra' impedire,in futuro,che frequenti no il suo nuovo compagno ed i relativi figli Avv. Alfredo Guarino Napoli

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

8 MAR 2016

Logo Avv. Alfredo Guarino Avv. Alfredo Guarino

3153 Risposte

881 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Diritti/doveri del padre non sposato

6 Risposte, Ultima risposta il 28 Settembre 2017

Separazione con affido condiviso. Doveri e diritti.

14 Risposte, Ultima risposta il 28 Maggio 2019

Irreperibilita' ex coniuge (2)

3 Risposte, Ultima risposta il 12 Febbraio 2019

È vero che anche i nonni possono dover dare gli alimenti?

7 Risposte, Ultima risposta il 14 Luglio 2015

Assegnazione casa coniugale e nuova unione dell'ex coniuge

5 Risposte, Ultima risposta il 13 Febbraio 2017

Decesso madre adottiva: ho diritti sull'eredità?

7 Risposte, Ultima risposta il 18 Agosto 2015

Riconoscimento del Tfr alla ex moglie

1 Risposta, Ultima risposta il 11 Settembre 2019

La ex moglie allontana il figlio minore dal padre

6 Risposte, Ultima risposta il 02 Dicembre 2016