Revenge porn: il sì della Camera

Approvato l'emendamento che punisce il fenomeno del cosiddetto "revenge porn".

16 apr 2019 Attualità - Tempo di lettura: min.

avvocati

A inizio aprile, la Camera dei Deputati ha votato all’unanimità a favore della legge che punisce il cosiddetto “revenge porn” all’interno del disegno di legge “Codice Rosso” sul tema della violenza sulle donne.

Il testo sancisce che:

“chiunque invii, consegni, ceda, pubblichi o diffonda immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e multa da 5.000 a 15.000 euro”.

In più, viene applicata la stessa misura anche a chi “avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o il video, li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento”. La pena, invece, viene aumentata se il fatto viene commesso dal coniuge o ex coniuge o comunque da una persona legata da una relazione affettiva alla vittima o se il danno viene arrecato a una persona in condizione di inferiorità fisica o psichica o a una donna in stato di gravidanza.

Cosa s’intende per “revenge porn”?

È formato dalla parola vendetta (revenge) e pornografica (porn). Si tratta, infatti, della diffusione di immagini o di video di contenuto sessuale attraverso i social network o internet per vendicarsi della persona che compare in essi. È un fenomeno che colpisce soprattutto le donne e che si è moltiplicato negli ultimi anni. Ovviamente, la persona che compare in questi contenuti non ha mai acconsentito alla loro diffusione e, in alcuni casi, non è nemmeno consapevole di essere stata fotografata e/o filmata.

Spesso, inoltre, il revenge porn viene utilizzato dall’ex partner come punizione e umiliazione, magari in seguito a essere stato lasciato o per ricattare la vittima. Il risultato finale è proprio questo: chat e social network permettono una diffusione su grande scala di questi contenuti. Fino a questo momento, l’unica soluzione delle vittime era quella di cercare di “ridurre i danni” entrando in contatto direttamente con le piattaforme su cui viene condiviso il contenuto per richiedere la sua eliminazione. A livello legale, una persona colpita dal revenge porn poteva denunciare la persona che aveva diffuso i contenuti per reati come quello di diffamazione o di violazione della privacy.

Il revenge porn è un’altra delle tante sfaccettatura della violenza di genere, anche se ricordiamo che anche gli uomini possono esserne vittima, anche se in percentuale estremamente minore. Uno dei casi che più a fatto scalpore negli ultimi anni è stato quello di Tiziana Cantone che, dopo aver assistito inerme alla condivisione di un suo video a sfondo sessuale sul web aveva preso la decisione estrema di suicidarsi.

“Oggi per me è un giorno speciale. Il destino mi ha portato via ciò che di più prezioso avevo e finalmente la mia battaglia ha un riconoscimento” ha affermato Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone, dopo l’approvazione dell’emendamento alla Camera, secondo quanto riportato dal quotidiano il Corriere della Sera.

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su studilegali.com/proteccion_datos

Articoli correlati