Può essere stalking condominiale?

Inviata da Valeria. 5 lug 2016 2 Risposte

Salve, vivo in una proprietà indivisa con mio fratello, proprietari al 50%. La convivenza non va molto bene e mio fratello ha deciso che, poiché non mi sopporta, devo andarmene di casa e vendergli per un prezzo irrisorio la mia quota. Poiché sono anche disposta ad andarmene, ma non a queste condizioni, ultimamente, mio fratello e la moglie stanno avendo atteggiamenti pesanti nei miei confronti e verso la mia famiglia. Se sono in giardino, me li ritrovo nascosti a controllare, iniziano a girare per la proprietà come a dire qui ci sono io, a canticchiare canzoncine mirate ad offendere e, in alcuni casi, ad utilizzare parole offensive. Hanno due cani che girano i disturbati nella proprietà e pretendono che li controlliamo se uscendo o rientrando dal cancello dovessero uscire, non ne raccolgono le deiezioni, recintato e si appropriano di zone comuni a proprio piacimento. È diventata una situazione insopportabile, tanto che mio marito non vuole più uscire in giardino dà solo e preferisce uscire e rimanere fuori casa il più a lungo possibile pur di non i contatori. Cosa posso fare? Non posso documentare i fatti perché i signori potrebbero dire che non è vero, ma il malessere che provocano per esasperante è reale. Grazie

Argomenti simili

2 Risposte

  • Miglior risposta

    Buongiorno
    Signora ci credo che la situazione e insopportabile civsono gli estremi la divisione ereditare fuori fratello se lei vuole andarsene la deve liquidare ma non come dice lui bisogna fare una valutazione del bene e poi stabilire il prezzo incasso contrario se la mediazione non va a buon fine si fa causa

    Pubblicato il 06 Luglio 2016

    Logo Avv. Giovanna Oriani

    679 Risposte

    260 Valutazioni positive

Spiega il tuo caso ai nostri avvocati

Qual è la tua domanda? Avvocati esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come vuoi inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli avvocati della tua zona
    Per selezionare gli avvocati più adatti
    • 7700 Avvocati a tua disposizione
    • 6850 Domande inviate
    • 22850 Risposte inviate
    • Buongiorno Valeria,
      perché sia configurabile il reato di stalking (in italiano "atti persecutori" ex art. 612 bis c.p.) sono necessarie ripetute condotte di minaccia e/o molestie tali da causare un grave stato di ansia o paura o, comunque, di timore (purché fondato) per l'incolumità propria o delle persone vicine.
      Se la situazione da Lei descritta dovesse protrarsi, Le consiglio di tenere un diario in cui verrà segnato ogni singolo episodio, per poi procedere a presentare una denuncia - querela ben documentata, eventualmente rivolgendosi ad un legale per la redazione della stessa.
      Resto a disposizione e saluto cordialmente

      Pubblicato il 06 Luglio 2016

      Logo Avv. Lorena Steri

      124 Risposte

      30 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande