Può essere stalking?

Inviata da Carlo. 14 ott 2015 · 12 Risposte · Stalking

Buongiorno,
Nell'arco di un anno io e il mio compagno abbiamo ricevuto 6 lettere anonime sempre scritte al Pc tutte spedite dalla stessa città' ove in alcune vi erano solo stampati Sms in cui due persone censurate parlavano male di noi e altre lettere in cui si descrivono episodi con alcuni insulti, rivolti a me ma senza alcuna minaccia.
Se querelo secondo voi ottengo qualcosa? Da aprile lo stalking e le molestie sono stati "declassati" come reati minori e tenui quindi non so cosa potrebbe accadere alla mia querela dato che i contenuti non posso considerarli minacciosi o gravi ma solo disturbanti?
Ho alcuni sospetti ma non sono sicura.
Grazie

12 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentilissima Genny,
    l’art. 612 bis del codice penale, rubricato Atti persecutori, punisce con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia e di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita.
    Nel Suo caso non ricorrono i requisiti del reato di stalking poiché si sono verificate certamente delle condotte reiterate, ma che hanno semplicemente infastidito ed offeso, e comunque non tanto gravi da cagionare paura e ansia tali da indurre Lei e il Suo compagno a trasferire la residenza altrove e cambiare abitudini di vita. Inoltre azzardare una querela contro ignoti non farebbe di sicuro cessare le molestie e non cambierebbe nulla.
    Per ora limitatevi ad ignorare l’accaduto, magari così la persona responsabile desisterà.
    Per ulteriori delucidazioni potete contattarmi.

    Cordiali Saluti
    Enrica Anerdi

    Pubblicato il 15 Ottobre 2015

    Logo Studio legale avvocato Enrica Anerdi

    28 Risposte

    807 Valutazioni positive

Spiega il tuo caso ai nostri avvocati

Qual è la tua domanda? Avvocati esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come vuoi inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli avvocati della tua zona
    Per selezionare gli avvocati più adatti
    • 7900 Avvocati a tua disposizione
    • 7950 Domande inviate
    • 25800 Risposte inviate
    • violazione alla persona di messaggi oltraggiosi contro la persona e questo puo' essere perseguito a querela di parte con la querela che ha fatto per diffamazione contro la persona mantenendo le conversazioni e i messaggi

      Pubblicato il 07 Settembre 2017

      Logo Avvocato Deborah Muzi

      4 Risposte

      1 Valutazione positiva

    • Buongiorno, nel suo caso non sussistono i requisiti del delitto di Stalking, in quanto i messaggi avrebbero dovuto ingenerare un per durante stato di ansia e paura. Dovrei analizzare le carte, Cmq puo' sporgere denuncia ai Carabinieri e a Valerio di un avvocato, sara' poi il PM a qualificare il capo di imputazione.
      Cordialmente
      AVV. TICOZZI CHIARA
      MILANO

      Pubblicato il 24 Marzo 2017

      Logo Avvocato Chiara Letizia Ticozzi, Registered European Lawyer

      67 Risposte

      17 Valutazioni positive

    • Buongiorno.
      Concordo e confermo quanto scritto dai miei Colleghi,
      Specifico che il reato di stalking non ha perso la sua valenza. Rimane un reato 'fastidioso' e,comunque, grave in quanto va ad incidere fortemente nella libertà e nella vita della vittima.
      Nel suo caso, non è configurabile il reato di stalking.
      Ad ogni modo, al fine di tutelarsi nel caso in cui le condotte poste in essere da questo soggetto anonimo dovessero diventare più minacciose e più gravi, le consiglio di sporgere querela.
      Cordialmente.

      Pubblicato il 01 Ottobre 2016

      Logo Avvocato Simonetta Lo Re

      12 Risposte

      17 Valutazioni positive

    • Buona sera.
      Consiglio anch'io, come altri, di presentare in ogni caso denuncia per tutelarsi.
      Dovrei visionare i contenuti delle 6 lettere per pensare ad altri suggerimenti ed azioni di tutela. Il mio Studio Legale ha sede a Milano ma offre consulti anche con skype.
      I miei più cordiali saluti
      Avv. Raffaella Angelica Molendini

      Pubblicato il 15 Novembre 2015

      Logo Avv. Raffaella Angelica Molendini

      90 Risposte

      234 Valutazioni positive

    • La descrizione del fatto è piuttosto sommaria, tuttavia, astrattamente, potrebbero configurarsi alcuni reati, come, ad esempio, l’ingiuria (art. 594 c.p.) ovvero gli atti persecutori (art. 612-bis c.p.), specie se, nel seguito, il “disturbo” lamentato dovesse produrre dei perduranti stati d’ansia o paura ovvero un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto, circostanze sempre possibili laddove ci si accorga di essere “nel mirino” di qualcuno che, magari, neanche si conosce o di cui non si conoscono le reali intenzioni.
      Quanto alla questione definita di “declassamento dei reati minori”, penso che con ciò ci si voglia riferire alla legge 28 aprile 2014 n. 67 (pubblicata in G.U. il 18.03.2015 ed in vigore dallo 02.04.2015), la quale, invero, non ha declassato nulla, ha solo introdotto la non punibilità per i fatti puniti con la pena pecuniaria o con la reclusione fino a cinque anni, ove si presentino concretamente di particolare tenuità (art. 131-bis c.p.).
      Ora, è vero che sia l’ingiuria sia gli atti persecutori rientrano nei limiti di pena predetti, tuttavia, la non punibilità non è automatica, giacché – anche se fossero ricorrenti le condizioni fattuali oggettive, stabilite dalla legge per potersi parlare di “particolare tenuità” –, occorrerebbe comunque verificare la sussistenza di quelle soggettive riferibile all'agente, ossia se abbia agito per motivi abietti o futili o con crudeltà ovvero sia stato dichiarato delinquente abituale, professionale

      Leggi tutto

      Pubblicato il 19 Ottobre 2015

      Logo Avv. Gianluca Bergamaschi

      65 Risposte

      40 Valutazioni positive

    • Gentile Genny,
      A mio parere, concordando su quanto già scritto dai miei colleghi sullo stalking, sarebbe opportuno sporgere denuncia-querela lamentando le ingiurie e la diffamazione, gli inquirenti potranno verificare l'inoltro delle e-mail e la loro provenienza e qualificheranno il reato in base ai risultati ottenuti dalle indagini, e a quel punto potrà scegliere la sua linea difensiva.
      Non occorre che lei oggi si preoccupi del seguito della denuncia querela ma piuttosto deve pensare a tutelarsi
      e ad avere fiducia nella giustizia.
      Avv.Marina Ligrani

      Pubblicato il 16 Ottobre 2015

      Logo Avv. Marina Ligrani

      652 Risposte

      229 Valutazioni positive

    • Da quanto Lei descrive dubito che si possa parlare di stalking. Resta comunque il fatto che i comportamenti da Lei riferiti possono integrare altre figure delittuose (ingiuria, diffamazione, molestie), che ancor oggi sono punite penalmente. È pur vero che per le predette figure delittuose è prevista la depenalizzazione, ma - a parte vedere se realmente verranno depenalizzate - esse continuerebbero a rimanere illecite, benché sanzionate in via amministrativa .
      Per cui, in definitiva, se ha già fatto querela, ne segua gli sviluppi, magari con l'aiuto di un difensore che, quale parte lesa, può sempre nominare; se non l'ha ancora fatta, può comunque sporgerla, curando di fornire quanti più elementi utili alle indagini Le è possibile.
      Cordialmente

      Studio Legale Ercoli

      Pubblicato il 16 Ottobre 2015

      Anonimo
    • Gent.ma sig.ra Jenny,

      ricevere lettere anonime, ripetute nel tempo, con contenuti ingiuriosi o comunque disturbanti è sicuramente una condotta penalmente rilevante e, vista anche la durata nel tempo, comincia ad assumere connotati preoccupanti.

      Una denuncia querela sicuramente avrebbe il suo peso. Nella redazione della stessa non spetta a Lei indicare un reato specifico (stalking, molestie, minacce ecc.), può limitarsi a descrivere i fatti, circostanziati con date e modo in cui queste lettere vi vengono recapitate, chiedendo la punizione dei colpevoli.
      Spetterà poi alla procura fare le indagini volte ad individuare gli autori e qualificare la natura delle condotte molesta, al fine di esercitare l'azione penale volta alla punizione dei colpevoli e, soprattutto, alla intimazione agli stessi di cessare da tali comportamenti.

      Cordialità
      Avv. F.C.

      Pubblicato il 15 Ottobre 2015

      Logo Studio Legale Cavallaro Fabiana

      147 Risposte

      108 Valutazioni positive

    • Salve,
      il reato di "atti persecutori" meglio conosciuto come stalking, rubricato all'art. 612 bis c.p., afferma che non è solo la minaccia, ma anche la molestia a generare un danno in capo alla persona offesa dal reato. Al primo comma, infatti, si rinviene la dicitura:
      "è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni chiunque, con condotte reiterata, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita".

      Quindi, qualora queste condotte, della cui reiterazione non si dubita, le abbiano arrecato un patema d'animo tale da alterare le sue abitudini di vita o lasciarla in un perdurante stato d'ansia, tale reato è pienamente configurabile, e va perseguita a querela da parte della persona offesa. Le consiglio di rivolgersi a un professionista per la redazione di tale querela, in modo tale che egli possa compiutamente argomentarla. Oltretutto, essendo il reato perpetrato da parte di un soggetto con carichi pendenti, tale querela potrebbe avere una risonanza ancor maggiore presso le forze dell'ordine e, se il soggetto è in condizioni di libertà vigilata, condizionale o simili, risulterebbe essere un fatto ostativo al regime agevolato.
      Resto a sua disposizione per ulteriori chiarimenti,

      Studio Legale Scavo

      Pubblicato il 15 Ottobre 2015

      Logo Studio Legale Scavo & Associati

      94 Risposte

      28 Valutazioni positive

    • Buongiorno
      Da quanto descrive, se anche non sussistessero gli estremi per lo stalking, potrebbero profilarsi aspetti del reato di ingiuria. Le consiglio di rivolgersi ad un legale, eventualmente anche contattandolo sul portale, affinché possa esaminare nel dettaglio il caso.
      A disposizione per chiarimenti e consulenza.
      Cordiali saluti.
      Avv Annamaria Vizzolesi

      Pubblicato il 16 Ottobre 2015

      Logo Studio Legale Vizzolesi

      363 Risposte

      189 Valutazioni positive

    • Gentile Jenny lo stalking o atti persecutori ha come caratteristica del reato, per la sua consumazione, quello di modificare sostanzialmente le abitudini di vita della vittima che vivendo in uno stato di costante timore, cambia completamente le proprie abitudini per sfuggire al molestatore. Qui si potrebbe profilare un diverso reato eventualmente, valutando ovviamente gli scritti. La qualificazione del reato, ossia identificazione del reato compiuto ai suoi danni è compito del pubblico ministero, e non suo nel momento in cui sporge denuncia/querela. Essa infatti serve come strumento di informazione sul fatto che è stato compiuto un reato e con cui chiede alla giustizia di cercare e punire i colpevoli. Di quale reato tuttavia lo deciderà il pubblico ministero. Cordialità

      Pubblicato il 16 Ottobre 2015

      Logo Avvocato Soardi Francesca

      9 Risposte

      3 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande