Il mio ex mi perseguita, credo di essere vittima di stalking. Come fare?

Inviata da Giovanna. 2 apr 2014 3 Risposte

Cari avvocati,

sono una ragazza di vent'anni e vivo a Roma per ultimare i miei studi. Io sono originaria della Sicilia e da tre mesi ho lasciato il mio fidanzato per via della lontananza e perchè mi sono resa conto che la nostra storia non aveva futuro. Da quel momento lui è impazzito, mi ha chiamato notte e giorno e si è perfino presentato sotto casa mia a Roma. Quando ci siamo visti lui è stato molto violento e io ho provato a calmarlo, ma niente. Da quel momento non riesco più a vivere serena, frequentemente si presenta nei luoghi che frequento abitualmente e mi telefona di continuo. Io inizio ad avere paura e a sentirmi condizionata anche nella mia socialità su internet. Come capire se sono vittima di stalking?

Grazie a tutti

3 Risposte

  • Miglior risposta

    La condotta di atti persecutori e' prevista e punita dall'art. 612 bis del codice penale. Ultimamente, stante gli innumerevoli caso di femminili dio, la fattispecie normativa e' stata opportunamente modificata a favore delle vittime delle condotte di persecuzione. Per quanto attiene la Sua domanda, come è' stato correttamente suggerito vi sopperiscono i due rimedi dell'ammonimento al Questore o della Denuncia in Procura. Per capire la soluzione migliore per tutelarLa bisognerebbe capire maggiormente in cosa si sostanziano gli atti persecutori che Lei manifesta con la sua domanda, considerando che il primo rimedio e' molto meno efficace del secondo ed ha meno ripercussioni e conseguenze sul piano giuridico. Il consiglio e' quello di muoversi in fretta, tramite l'aiuto di un legale, per valutare la strada migliore da intraprendere.
    Cordiali saluti
    Avv. La Rosa Barbara

    Pubblicato il 12 Aprile 2014

    Logo Avv. La Rosa Barbara

    4 Risposte

Spiega il tuo caso ai nostri avvocati

Qual è la tua domanda? Gli avvocati esperti in materia rispondono
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come vuoi inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli avvocati della tua zona
    Per selezionare gli avvocati più adatti
    • 7650 Avvocati a tua disposizione
    • 5900 Domande inviate
    • 20500 Risposte inviate
    • Buongiorno Sig.ra,
      la prima cosa da fare è tagliare tutti i ponti con il suo ex; dire un secco no e non rispondere più nè agli sms, nè alle chiamate; non accettare il cosidetto "ultimo appuntamento". Contemporaneamente, si rivolga al Questore, anche tramite un legale, a faccia richiesta di ammonimento. Se poi la richiesta di ammonimento non ha alcun effetto, proceda con la querela. Anche in questo caso le consiglio di farsi assistere da un legale. E' importante che proceda celermente. Avv. Agnese Focante

      Pubblicato il 07 Aprile 2014

      Agnese Focante
    • Lei è vittima di atti persecutori ex art. 612 bis c.p. La prima cosa che può fare è procedere con un ammonimento da depositare presso la Questura poi, se non sortisce gli effetti sperati, procedere con una denuncia vera e propria (per la quale Le consiglio di rivolgersi ad un legale). Le consiglio di procedere celermente. Cordiali Saluti Avv. Lorenzo Nizzi Grifi Gargiolli

      Pubblicato il 03 Aprile 2014

      Logo Studio Legale Nizzi Grifi Gargiolli

      95 Risposte

      19 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande