Spiega il tuo caso ai nostri avvocati

Qual è la tua domanda? Avvocati esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come vuoi inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli avvocati della tua zona
    Per selezionare gli avvocati più adatti
    • 7900 Avvocati a tua disposizione
    • 8200 Domande inviate
    • 26350 Risposte inviate

    Domande su figlio

    • ? figlio a carico disabile , contributo del padre 300,00 euro mensili 1 Risposta Inviata da Lilly4. 8 nov 2017
      Miglior risposta

      gentile Lilly, se l'assegno, come penso, è stato determinato a seguito di sentenza di divorzio può proporre ricorso per la modifica delle condizioni del divorzio e chiedere sia la modifica dell'importo dell'assegno e sia degli obblighi di assistenza del figlio in capo a ciascun genitore. avv. Marina Ligrani

      Avv. Marina Ligrani
      Avv. Marina Ligrani 8 nov 2017
      Leggi tutto
    • ? mio ex nn paga gli alimenti al figlio, che fare? 5 Risposte Inviata da Matilda. 23 ott 2017
      Miglior risposta

      Gentile Sig.ra Matilda, Innanzi tutto le consiglierei di far inviare una raccomandata al suo ex marito in cui spiega le ragioni per cui non le fa vedere il figlio, altrimenti rischia di passare dalla parte del torto. In secondo luogo, a parte la denuncia penale che ha già fatto, tenterei un recupero cdelle somme a lei spettanti attraverso un prec

      Studio Legale Roma
      Studio Legale Roma 24 ott 2017
      Leggi tutto
    • Miglior risposta

      dovrebbe fare istanza al tribunale dei minori dove risiede il bimbo per chiedere l'affidamento esclusivo, provare la negligenza della madre e chiedere l'ausilio degli assistenti sociali

      Avvocato Di Lallo
      Avvocato Di Lallo 16 ott 2017
      Leggi tutto
    • ? comportamento cattivo nei confronti di un ex moglie 2 Risposte Inviata da Marina17. 30 lug 2017
      Miglior risposta

      La Vostra situazione è molto complessa e necessita di molti altri particolari, per questo motivo le consiglio di contattare un legale e rappresentare allo stesso la vostra problematica. Cordialmente. avv. Emanuela Costa

      Leggi tutto
    • ? mi consigli per favore Inviata da Anonimo30. 26 lug 2017
      Domanda senza risposta- Rispondi ora
    • ? Vivere con figlio minore all'estero Inviata da VeronicaSanches. 26 lug 2017
      Domanda senza risposta- Rispondi ora
    • ? Adozione senza moo consenso 1 Risposta Inviata da Alessio26. 5 giu 2017
      Miglior risposta

      Si, io ritengo si possa agire per richiedere l'accertamento della paternità e contestualmente chiedere la revoca del provvedimento che ha disposto l'adozione. Però occorre strutturare bene la causa e poter provare che lei negli anni ha avuto un legame con il bambino, dimostrare che non le è stato consentito riconoscerlo, che il bambino è inserito n

      Leggi tutto
    • ? Un altro uomo può prendersi mio figlio? 2 Risposte Inviata da Alessio26. 25 apr 2017
      Miglior risposta

      Buongiorno Poiché è lei il vero padre naturale può procedere immediatamente al riconoscimento di suo figlio mediante un'azione giudiziaria.resto a disposizione per ogni chiarimento. AVV.GIOVANNA Oriani

      Avv. Giovanna Oriani
      Avv. Giovanna Oriani 26 apr 2017
      Leggi tutto
    • ? Diritto penale minorile 1 Risposta Inviata da Ale10. 28 mar 2017
      Miglior risposta

      Gentile Ale,in caso di insuccesso della messa in prova,puo' tentare un giudizio abbreviato:con buona condotta e risarcimento del danno,potrebbe aspirare,con la continuazione e varie attenuanti e diminuendo, ad una pena sospesa.Cordialmente Avv.Alfredo Guarino Napoli

      Avv. Alfredo Guarino
      Avv. Alfredo Guarino 29 mar 2017
      Leggi tutto
    • ? Successione - eredità 3 Risposte Inviata da Anonimo. 3 nov 2016
      Miglior risposta

      Se il padre ha donato l'immobile riservandosi usufrutto può essere provato con testimoni e documenti se esistono(ne dubito) il fatto che il comodato d'uso dei mobili é fittizio. Gli altri fratelli dovrebbero contestare per iscritto con racc.a.r. la proprietà dei mobili in capo ad alfa sin da subito

      Leggi tutto
    • ? Scuola Inviata da BadiaElhassani. 14 ott 2016
      Domanda senza risposta- Rispondi ora
    • ? Cosa devo fare? 3 Risposte Inviata da Aldo11. 13 lug 2016
      Miglior risposta

      gentilissimo Sig. Aldo, probabilmente è corretta la risposta dei miei Colleghi. Sarebbe bene, infine, magari, dare incarico al cartorio al quale si è già rivolto di verificare la situazione e, se volesse,, con un avvocato brasiliano promuovere un accertamento di paternità per far svolgere il test del dna sul figlio. Saluti cordiali Avv.Antonio Cesa

      Avv. Antonio Cesarini
      Avv. Antonio Cesarini 14 lug 2016
      Leggi tutto
    • Miglior risposta

      Buongiorno signora Bagna ricorrere al giudice tutelare a disposizione per ogni eventuale chiarimento DISTINTI SALUTI AVV.Giovanna Oriani

      Leggi tutto
    • ? Aiuto psicologico per vedere mio figlio 4 Risposte Inviata da Rocco2. 3 mag 2016
      Miglior risposta

      Egregio Sig. Rocco,le Colleghe che mi hanno preceduto hanno ragione:non puo' prescindere da nuovi percorsi giudiziali.Agglungo:se e' nelle condizioni,puo' avvalersi del patrocinio a spese dello Stato.Cordialmente Avv.Alfredo Guarino Napoli

      Leggi tutto
    • ? Affido condiviso? 10 Risposte Inviata da Rocco2. 23 mar 2016
      Miglior risposta

      Gentile signor Rocco, Le consiglio di procedere dando attuazione alle statuizioni disposte in sentenza di affido condiviso. Negli anni 90, infatti, la Cassazione ha iniziato a sanzionare penalmente il coniuge inadempiente (388 cp) ed a parlare di tutela risarcitoria per il soggetto danneggiato dalla mancata esecuzione volontaria del provvedimento

      Leggi tutto