Separazione e restituzione somme mutuo

Inviata da Romina. 8 nov 2018 11 Risposte  · Separazione

Buonasera,
sono separata da 1 anno a causa del tradimento di mio marito, in attesa di trovare un accordo in merito alla casa coniugale la quale non è stata assegnata a nessuno data la mancanza di figli.
Siamo in regime di separazione dei bene, il mutuo è cointestato ma con addebito su mio conto corrente privato, di conseguenza ho sempre provveduto alla pagamento della rata mensile con soldi di mia proprietà.
Il giudice 1 anno fa ha dato un provvedimento provvisorio al mio ex marito, il quale avrebbe dovuto versaresul mio conto corrente il suo 50% di rata di mutuo, sono trascorsi mesi e ad oggi non mai ricevuto nulla.
-Posso procedere nei confronti del mio ex marito chiedendo la restituzione del suo 50% di mutuo da me versato dall’inizio della stipulazione del Contratto di mutuo (sottoscritto nel 2014)?
-come posso procedere nei confronti del mio ex marito in merito all’inadempienza del provvedimento del Giudice, il quale è stato accettato dal mio ex con sua firma?

Grazie per l’attenzione
Romina

Miglior risposta

Il provvedimento del Giudice costituisce titolo esecutivo fino a quando verrà pronunciata la sentenza, quindi può darne esecuzione fino a quel momento precettando Suo marito al pagamento e in caso negativo procedere con la fase esecutiva, chiedendo ad esempio il pignoramento del quinto dello stipendio.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Signora Romina,
si rivolga ad un avvocato onde diffidare formalmente Suo marito al pagamento delle somme dovute a decorrere dall'emissione dell'ordinanza Presidenziale.
Il provvedimento del Giudice costituisce titolo esecutivo e, pertanto, in caso di reiterato mancato pagamento, potrà notificare un atto di precetto e procedere con il pignoramento di beni intestati a Suo marito (conto corrente, retribuzione fino ad 1/5, anche la quota dell'immobile di proprietà del medesimo...).
Cordiali saluti.
avv. Francesca Minutolo del Foro di Modena

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

IERI 15:49

Logo Avvocato Francesca Minutolo Avvocato Francesca Minutolo

64 Risposte

22 voti positivi

Gentile Sig.ra Romina,
il provvedimento presidenziale costituisce titolo esecutivo. Ove il terzo non adempia, il coniuge creditore ha azione diretta esecutiva nei suoi confronti.
Lei ha dunque facoltà di agire giudizialmente per la restituzione delle somme dovute.
Cordialmente,
Avv. Francesco Zofrea

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

IERI 12:05

Logo Studio Legale Zofrea Studio Legale Zofrea

509 Risposte

345 voti positivi

Ritengo che non sussistono i presupposti per ottenere la restituzione del 50% delle somme da lei pagate in costanza di matrimonio ovvero prima della separazione, per quanto concerne il pagamento degli importi dovuti in virtù del provvedimento da lei citato potrà agire esecutivamente anche con il pignoramento del bene immobile in comune. Saluti cordiali
Avv. Sandra Macis
Cagliari

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

IERI 12:04

Logo Avv. Sandra Macis Avv. Sandra Macis

423 Risposte

390 voti positivi

Buongiorno signora Romina,
certamente che può procedere nei confronti del coniuge ( ex) con il provvedimento del Giudice che ha disposto la restituzione del 50%.
Le consiglio di rivolgersi ad un avvocato è di attivarmi quanto prima.
Resto disponibile per qualsiasi sua necessità presso il mio studio legale.
Cordialità
Avv. Maria Sannino (Lucca)

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

IERI 12:04

Anonimo

Buongiorno,
può procedere con intimazione di pagamento dell'insoluto e quindi agire esecutivamente in sede civile, e può procedere con querela per inottemperanza all'ordine dell'Autorità Giudiziaria, salvo che si tratti di mera omologa di accordo e non di ordinanza-decreto.. Cordiali saluti.
Avv. Massimiliano Maida

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

IERI 10:18

Logo Studio legale Maida Studio legale Maida

28 Risposte

9 voti positivi

signora il provvedimento del Giudice le permette di procedere esecutivamente ciò significa aggredire le somme o i beni di suo marito .
Io userei modi molto più incisivi , conteggiato l'importo che costui le dovrebbe dare , o formulerei un sequestro , o pignorerei parte della sua retribuzione o qualora suo marito avesse uno stipendio fisso proverei a chiederei un ordine di pagamento direttamente al datore .. insomma esistono varie ipotesi usufruibili .. a sua disposizione

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

IERI 09:10

Logo Studio Legale Avv. Daniela Bilotti Studio Legale Avv. Daniela Bilotti

70 Risposte

19 voti positivi

Buongiorno, bisogna procedere mediante azione esecutiva nei confronti di suo marito.
Resto a disposizione per qualsiasi necessità.
Cordiali saluti.
Dott. Antonino Matina

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

11 NOV 2018

Logo Dott. Antonino Matina Dott. Antonino Matina

1040 Risposte

1291 voti positivi

Buongiorno,
il provvedimento del giudice è immediatamente esecutivo ed attraverso detto provvedimento può precettare suo marito e di seguito procedere ad azione esecutiva. Se suo marito lavora si pignora un quinto dello stipendio. se ha un conto corrente, si pignora il conto corrente.
Comunque la risposta alla sua domanda è SI.
Cordialità Avv. Paola Federici

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2018

Logo Avv. Paola Federici Avv. Paola Federici

151 Risposte

40 voti positivi

Gentile Romina,
Il provvedimento presidenziale è titolo esecutivo pertanto in caso di inadempimento può essere eseguito forzatamente con una specifica procedura.
Dunque contro il suo ex marito potrà agire giudizialmente per ottenere il dovuto.
A tanto devo aggiungere che la violazione di un ordine contenuto in provvedimento giudiziale come il provvedimento provvisorio di separazione rappresenta condotta perseguibile penalmente.
Avv Marina Ligrani

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2018

Logo Studio Legale Ligrani Matrimonialista Studio Legale Ligrani Matrimonialista

884 Risposte

403 voti positivi

Gentile Signora,può senz'altro procedere nei confronti del suo ex marito per il recupero della somme versate,per suo conto,a titolo di mutuo per l'acquisto della casa.
Il provvedimento del Presidente del Tribunale la autorizza,in mancanza di spontaneo adempimento da parte di suo marito, a procedere al recupero coattivo.
Si rivolga quindi al suo avvocato per procedere alla fase esecutiva.
Cordialità
Avv.Giovanni Cigliola

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

10 NOV 2018

Logo Studio Legale Avv. Giovanni Cigliola Studio Legale Avv. Giovanni Cigliola

73 Risposte

18 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Separazione e restituzione rate mutuo pagate

4 Risposte, Ultima risposta il 31 Marzo 2016

Chiedo restituzione prestito da parte dell'ex

5 Risposte, Ultima risposta il 10 Maggio 2018

Assegnazione casa con separazione giudiziale

9 Risposte, Ultima risposta il 30 Maggio 2018

Divorzio con minore

5 Risposte, Ultima risposta il 20 Dicembre 2016