Posso obbligare mia sorella a vendere un attività che abbiamo in comune?

Inviata da Patrizia. 16 mar 2015 4 Risposte

Abbiamo ereditato il negozio di nostra madre solo che io non ci voglio lavorare ed è lei l'unica interessata. Le ho proposto di comprare la mia quota ma dice che non può, allora posso obbligarla a vendere?

Miglior risposta

Gentile Signora Paola,
le consiglio di effettuare formale richiesta di vendita della Sua quota all'altra coerede (che ha diritto di prelazione) indicando il prezzo richiesto.
Se L'altra coerede non esercita il diritto all'acuisto Lei potrà vendere a terzi la Sua quota di eredità.
Da ultimo, in mancanza di accordo divisionale amichevole, dovrà agire in Tribunale (previa mediazione obbligatoria) al fine di far dichiarare lo scioglimento della comunione ereditaria.
Resto a Sua disposizione, in caso di bisogno mi contatti pure tramite il portale.
Cordiali saluti
Avv. Francesca Cardini

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Non può obbligarla a vendere, ma potrebbe cercare di vendere la Sua quota a terzi. Altrimenti, l'unica strada è quella di chiedere lo scioglimento della comunione ricorrendo in Tribunale, previa mediazione. Sono disponibile a renderLe una valutazione del valore della Sua quota e a ricercare una soluzione non dispendiosa a questa situazione. Cordiali Saluti. Avv. Riccardo Galli

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2015

Logo Avv. Riccardo Galli Avv. Riccardo Galli

501 Risposte

138 voti positivi

Non può obbligare sua sorella a vendere il negozio, ma dall'altra parte può farle una proposta formale di vendita della sua quota e nel caso di esito negativo, può venderla a terzi.
Altrimenti potrebbe chiedere lo scioglimento della comunione ereditaria tramite ricorso in tribunale, passando prima per la mediazione obbligatoria, ma sarà certamente più dispendiosa.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2015

Logo Studio Legale Avv. Genny Ballerini Studio Legale Avv. Genny Ballerini

118 Risposte

29 voti positivi

Lei può citarla in tribunale per chiedere la divisione, ma prima deve fare il tentativo obbligatorio di mediazione davanti agli organi preposti per cercare di trovare una soluzione conciliante. Si rivolga pure alla scrivente tramite il sito, per avere maggiori indicazioni sul da farsi.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2015

avv.antonella speranzini

Domande simili:

Vedi tutte le domande
nuda proprietà ed indebitamento

1 Risposta, Ultima risposta il 07 Febbraio 2017