Accesso Avvocati Registra il tuo studio gratis

diritto di abitazione con nuovo propietario

Inviata da Flaviano. 26 lug 2018 4 Risposte

Buongiorno,

vorrei acquistare un casa all'asta, la perizia indica la piena proprietà per la quota di 1000/1000 all'esecutato ma la quota intera del diritto di abitazione alla ex moglie tramite atto dopo la separazione consensuale, quindi se mi aggiudico l'asta ho anche il diritto di liberare l'immobile?

Grazie

separazione , consensuale

Miglior risposta

Se il diritto di abitazione è stato trascritti prima dell'esecuzione non può ottenere il rilascio. Se non è stqto trascritto o è stato trascritto dopo il pignoramento potrà ottenere il rilascio.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Egregio signor Flaviano,

secondo la normativa vigente l’ immobile gravato dal diritto dell’ex coniuge di continuare a godere della casa destinata ad abitazione della famiglia è sempre suscettibile di espropriazione forzata, in quanto l’esistenza di un diritto reale di godimento sul bene pignorato non può paralizzare l’azione esecutiva, pregiudicando il soddisfacimento di crediti da parte di soggetti che hanno legittimamente pignorato il bene di proprietà del debitore esecutato.
Ciò posto, la questione rileva sotto il profilo dell’opponibilità o meno di tale diritto alla procedura esecutiva, e della conseguente variazione del valore del bene pignorato, in ragione dell’impossibilità di percepire alcun corrispettivo per il godimento da parte del titolare e dell’intrinseca impossibilità di determinare esattamente la durata nel tempo del godimento (con tutti i conseguenti problemi in sede di stima del bene).
Ai fini della vendita esecutiva bisogna, dunque, distinguere il caso in cui il diritto del coniuge sia opponibile allaprocedura, perché trascritto prima dell’ipoteca ovvero del pignoramento, dal caso in cui il diritto risulti, invece, non opponibile perché il suo atto costitutivo è successivo all’ipoteca di un creditore procedente (o intervenuto) ovvero non trascritto. La titolarità da parte di un terzo di un diritto reale sul bene pignorato, se opponibile, incide unicamente sul prezzo di vendita dell’immobile, determinandone la riduzione a causa del vincolo gravante sul bene, ma non impedisce la prosecuzione dell’azione esecutiva e la vendita del bene.
Pertanto, nel caso in oggetto se il diritto di abitazione è stato trascritto prima dell'esecuzione non può ottenere il rilascio, ma, potrà ottenere la riduzione del prezzo di vendita. Se non è stato trascritto o è stato trascritto dopo il pignoramento potrà ottenere il rilascio.


Rimango a sua completa disposizione.
Distinti saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

22 MAR 2019

Logo Studio Legale Zofrea Studio Legale Zofrea

2028 Risposte

1458 voti positivi

Buongiorno
Tutto dipende dalla trascrizione ai fini della pubblicità del diritto di abitazione della moglie se è stato e quando. Faccia prima una visura catastale.
Saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

31 LUG 2018

Logo Studio Legale Avv. Natascia Spicuzza Studio Legale Avv. Natascia Spicuzza

117 Risposte

21 voti positivi

Gentile Flaviano,
Le consiglio di verificare la situazione tramite una visura ipocatastale sull'immobile per valutare quale trascrizione è precedente, se il diritto di abitazione o il pignoramento; se la trascrizione del diritto di abitazione è precedente non potrà liberare immediatamente l'immobile, se è precedente il pignoramento potrà liberarlo dando esecuzione al decreto di trasferimento che verrà emesso in seguito al versamento integrale del prezzo da parte Sua.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti.
Distinti saluti
Avv. Alessandro Tadei

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

26 LUG 2018

Logo Avv. Alessandro Tadei Avv. Alessandro Tadei

425 Risposte

402 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Quando decade il diritto di abitazione?

2 Risposte, Ultima risposta il 17 Gennaio 2018