I consigli della Polizia Postale sullo shopping online

Se non si fa attenzione, internet può essere un vero campo minato.

24 gen 2019 Attualità - Tempo di lettura: min.

avvocati

Siete pronti per lo shopping natalizio? Ecco qualche consiglio per evitare le truffe online.

C’è chi ama fare shopping e chi no. Tuttavia, una cosa è certa. Durante le festività natalizie moltissime persone si riversano per le strade più commerciali di città e paesi per comprare regali o fare la spesa per pranzi e cene natalizie. Con l’aumento dello shopping aumentano anche i casi di truffa, soprattutto online. Per questo, la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha stilato un vademecum in cui offre consigli per evitare di rimetterci durante gli acquisti su internet. Ecco i principali.

Utilizzare software e browser completi ed aggiornati

L’antivirus è uno strumento indispensabile quando navighiamo su internet. Anche quando si acquista online può salvarci dalle minacce del web. È fondamentale che, qualunque sia l’antivirus, a pagamento o gratis, sia sempre aggiornato.

Dare la preferenza a siti certificati o ufficiali

Se non si fa attenzione, internet può essere un vero campo minato. Banner pubblicitari, email ingannevoli, siti poco affidabili…il rischio è dietro l’angolo. Tuttavia, c’è un modo per evitare una gran parte delle truffe online. Quando vogliamo acquistare qualcosa, è preferibile utilizzare solo siti certificati o ufficiali per non capitare su qualche sito poco serio. Stessa cosa per le applicazioni per lo smartphone: sempre meglio scegliere quelle ufficiali dei negozi online.

Leggere sempre i commenti e i feedback di altri acquirenti

I commenti e le opinioni degli altri utenti possono salvarci da moltissime truffe online. Prima di acquistare qualcosa o di usare un sito web poco conosciuto, basta fare una ricerca online per sapere cosa ne pensano gli altri. Se è una truffa è probabile che qualche altro acquirente caduto in trappola possa avvisare del pericolo.

Utilizzare soprattutto carte di credito ricaricabili

Per non rischiare di vedere il proprio conto bancario prosciugato, è sempre meglio utilizzare una carta di credito ricaricabile per gli acquisti online. Fidatevi solamente dei siti che richiedono i dati di sempre e non chiedono altre informazioni come PIN o password al momento del pagamento. Secondo la Polizia Postale, infatti: “la presenza del lucchetto chiuso in fondo alla pagina o di “https” nella barra degli indirizzi sono ulteriori conferme sulla riservatezza dei dati inseriti nel sito e della presenza di un protocollo di tutela dell’utente, ovvero i dati sono criptati e non condivisi”.

Non cadere nella rete del phishing e/o dello smishing

Con il termine “phishing” s’intende il furto dei dati personali degli utenti solitamente attraverso l’invio di mail contenenti malware o link pericolosi. Con il termine smishing (sms e phishing), invece, si indica un tipo concreto di phishing in cui il furto dei dati personali non avviene utilizzando come esca una email bensì un messaggio di testo.

Non sempre…. è un buon affare

Uno degli ultimi consigli della Polizia Postale è quello di diffidare dei prezzi troppo bassi di alcuni articoli online. Questo accorgimento, infatti, va seguito anche nello shopping normale, ad esempio durante il periodo dei saldi, quando i prezzi troppo bassi dovrebbero mettere in allarme l’acquirente.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in furti.

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su studilegali.com/proteccion_datos

Articoli correlati