Come fare ricorso per una multa

Se la contestazione viene accettata la multa viene cancellata.

30 apr 2015 Ricorsi - Tempo di lettura: min.

avvocati

Rispettare il Codice della Strada è indispensabile per evitare il più possibile rischi e incidenti. Quando ciò non avviene, oltre a mettere in pericolo la nostra vita e quella degli altri, possiamo rischiare una multa, ossia una sanzione amministrativa.

Se hai ricevuto una multa, ma credi che sia ingiusta, puoi provare a contestarla seguendo i procedimenti previsti dalla legge rivolgendoti ad un avvocato esperto in diritto amministrativo.

Il ricorso può essere fatto principalmente per la presenza di un vizio di forma, ossia di un errore negli atti (per esempio un errore nella trascrizione del numero di targa). I procedimenti possibili da seguire sono due: la contestazione al prefetto e la contestazione al giudice di pace.

Contestazione al prefetto

In questo primo caso la contestazione deve avvenire entro 60 giorni dalla data di notifica del verbale, ossia dalla data di consegna della multa stessa al sanzionato (per esempio tramite posta). Il ricorso va fatto presso la Polizia municipale o presso la Prefettura del capoluogo di Provincia. Il ricorso al prefetto presentato tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno e deve contenere tutti i documenti necessari e le ragioni che dimostrino il vizio di forma.

Se la contestazione viene accettata la multa viene cancellata. In caso contrario, invece, la Prefettura ha 120 giorni di tempo per rifiutare la contestazione e la multa dovrà essere pagata con l'aggiunta di un'altra sanzione pecuniaria.

Contestazione al giudice di pace

Se non avete fatto ricorso presso il Prefetto, potete rivolgervi al Giudice di Pace. Il procedimento è molto simile al precedente ma la contestazione dev'essere fatta entro i 30 giorni dalla data di notifica del verbale. La differenza con la contestazione al prefetto è cheper fare ricorso per multa al giudice di pace è necessario pagare un contributo unificato (di 37 euro se il valore della multa è inferiore ai 1100 euro).

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su studilegali.com/proteccion_datos

Articoli correlati