detenzione

Inviata da fabio de luca. 30 nov 2016 6 Risposte

buonasera,allora mi trovo agli arresti domiciliari perchè accusato di artt. 81 cpv, 110 c.p. e 73 DPR n. 309/1990 in un blitz che hanno fatto i carabinieri nel mio paese dove insieme a me hanno arrestato altre 8 persone per gli stessi reati,ci accusano in totale 13 capi d'accusa dove io rientro in 7 dei 13....il blitz e stato fatto circa sei mesi fà solo ed esclusivamente su intercettazioni telefoniche senza nemmeno un riscontro con sequestri di sostanza stupefacente sopratutto sulla mia persona,le intercettazioni risalgono al 2015 quindi si parla di fatti "commessi" più di un'anno fà. l'unico riscontro con sequestro di sostanza stupefacente e stato fatto un anno e mezzo fa a una di queste 8 persone la quale si è proceduto separatamente ma che mettono comunque come primo capo e mi fanno rientrare dentro dopo più di un anno e mezzo dandomi il concorso con quella persona perchè all'epoca quando e stata arrestata io ero insieme a lei però i carabinieri mi hanno chiesto solo i documenti e mi hanno lasciato andare mentre l'altra persona e stata arrestata perchè in possesso di 40 pezzi di eroina e 100 g. di fumo.negli altri 6 capi io entro come persona che cede-vende-procura una,due massimo quattro dosi di eroina cioè nel capo 2 procura 1 dose,nel capo 3 cede 2 dosi a tizio...."ovviamente nei messaggi non si parla di droga esplicitamente ma i carabinieri sono convinti che le parole "pizza" torta"pan di stelle" siano parole in codice che significa eroina.in più devo dire che io in quel periodo e in tutto il periodo dove ci accusano io ho collaborato con i carabinieri "ecco il perchè a me non mi hanno fatto niente quando quella persona e stata arrestata" infatti ci sono anche tanti miei messaggi dove parlo con un maresciallo dei carabinieri del mio paese per collaborare...comunque 11 maggio 2016 sono stato messo agli arresti domiciliari dopo aver fatto riesame con esito negativo e stato chiesto se potevo andare a fare un colloquio di lavoro presso il comune del mio paese e anche questo e stato respinto dicendo che non potevano tenermi sotto controllo per l'ora del colloquio,"però ogni volta che dovevo andare al tribunale invece di essere portato dai carabiniere visto gli arresti domiciliari mi facevano andare libero senza problemi,queste cose non le riesco a capire,poi sono state fatte altre istanze per revocare la misura tutte rigettate tranne l'ultima che e stata anch'essa rigettata però almeno il p.m. era favorevole alla sostituzione della misura ma il giudice a rigettato lo stesso,a luglio e stato chiesto il 415 bis che e stata fissata la data per l'interrogatorio solo due mesi fa dove ho spiegato la mia collaborazione in tutto il periodo delle accuse,cosa che non avevo fatto prima su consiglio dell'avvocato infatti questo passaggio lo fatto con un altro avvocato che a subito voluto chiarire la mia estraneità dei fatti per come sono scritti dall'accusa e ovviamente a fine interrogatorio il mio avvocato a chiesto l'archiviazione sono passati due mesi e non ho avuto risposta del 415 bis chiedendo all'avvocato mi diceva che il p.m. era malato però ieri mi è arrivata la data di fissazione dell'udienza preliminare ciò significa che non e vero che il p.m. era malato e quindi anche per altri motivi ho revocato il mandato anche a questo avvocato...questi sono i fatti certo ovviamente in breve comunque io vorrei sapere cosa ne pensate di tutto e se siete convinti di poter in primis revocare la misura e poi andare per un'assoluzione io sono disposto anche stesso domani a firmarvi il mandato e a dare ovviamente un anticipo dopo aver parlato con voi personalmente,ultima domanda ma e normale che non mi hanno risposto al 415 bis???

6 Risposte

  • Miglior risposta

    Buonasera, cosa penso della vicenda dipenderà dall'esame del fascicolo. Sulla misura cautelare, purtroppo, stessa cosa. Per quanto riguarda la risposta al 415bis si...non vi è obbligo per il PM di rispondere. La sua citazione per l'udienza preliminare è la risposta implicita del PM che ha ritenuto che quanto da lei dichiarato non sia stato sufficiente per l'archiviazione della sua posizione.
    Comunque, se avesse bisogno mi contatti pure tramite portale.
    I miei migliori saluti.

    Pubblicato il 02 Dicembre 2016

    Logo Studio Legale Nizzi Grifi Gargiolli

    95 Risposte

    19 Valutazioni positive

Spiega il tuo caso ai nostri avvocati

Qual è la tua domanda? Gli avvocati esperti in materia rispondono
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come vuoi inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli avvocati della tua zona
    Per selezionare gli avvocati più adatti
    • 7650 Avvocati a tua disposizione
    • 5900 Domande inviate
    • 20500 Risposte inviate
    • salve, per correttezza professionale le dico che qualsiasi valutazione senza aver esaminato la sua situazione processuale sarebbe impossibile. quello che non comprendo è che risposta si aspettava lei nel far riferimento al 415 bis che tecnicamente è soltanto l avviso di conclusione indagini emesso dal pm a partire dal quale decorrono i termini per presentare memorie o chiedere l interrogatorio ecc. Le chiarisco che sarà sempre il pm a decidere se rinviarla a giudizio e per i capi di accusa che ha è molto probabile che ciò accada. inoltre le chiarisco che lei puo' anche presentare al gip istanze ex 299 per la sostituzione o revoca della misura ma sarà sempre e soltanto il giudice a decidere e la sua decisione sara' certamente impugnabile, ma per serietà professionale nessun avvocato può garantirle il risultato positivo visto che la decisione spetta solo al gip. mi perdoni ma diffidi da chi garantisce dei risultati certi indipendentemente da quanto lei sia disposto a pagare..si ragiona sempre in termini di possibilità nel nostro mestiere ed è una questione di correttezza professionale che purtroppo oggi nel momento di crisi economica che abbiamo si sta perdendo. se ha bisogno di chiarimenti mi può contattare senza problemi. un caro saluto

      Pubblicato il 02 Dicembre 2016

      Logo Studio legale Avv. Sabrina Nucera

      5 Risposte

      1 Valutazione positiva

    • Gentile Sig Fabio in presenza di una misura cautelare custodiale e corpose intercettazioni dubito che il siffatto procedimento possa essere archiviato. La collaborazione è prevista dalla stessa norma e generalmente comporta un attenuazione delle misure cautelari in attesa dello svolgimento del processo e comporta anche uno sconto sull eventuale pena finale. Il tutto deve essere valutato con il p.m..il procedimento è complesso dato i molti capi di imputazione. Bisognerebbe leggere il fascicolo per fornire un parere più esaustivo. A disposizione per eventuali chiarimenti e assistenza. Cordiali saluti. Avv francesca di nardo

      Pubblicato il 02 Dicembre 2016

      Logo Studio penale Di Nardo

      119 Risposte

      18 Valutazioni positive

    • Egregio Sig. Di Nardo, concordo con Lei che e' stato irragionevole negare la possibilita' di un colloquio al Comune per un lavoro;in ordine a possibilita' di assoluzione dovrei esaminare il fascicolo e non posso pronunciarmi alla cieca; ritengo che possa presentarsi una nuova istanza per la modifica della misura,specialmente se puo' dimostrare di poter lavorare.Cordialmente Avv.Alfredo Guarino Napoli

      Pubblicato il 02 Dicembre 2016

      Logo Studio Legale Avv. Alfredo Guarino

      1211 Risposte

      234 Valutazioni positive

    • Gentile Sig Fabio il procedimento è basato su intercettazioni telefoniche e in presenza di una misura cautelare custodiale dubito che lo stesso possa essere archiviato. La collaborazione è prevista dalla stessa norma e generalmente comporta un attenuazione delle misure cautelari in attesa dello svolgimento del processo e comporta anche uno sconto sull eventuale pena finale. Il tutto deve essere valutato con il p.m titolare. Dovrei comunque studiare il fascicolo per fornire un parere dettagliato
      A disposizione per eventuali chiarimenti e assistenza. Cordiali saluti. Avv francesca di nardo

      Pubblicato il 02 Dicembre 2016

      Logo Studio penale Di Nardo

      119 Risposte

      18 Valutazioni positive

    • Gentile Sig Fabio se mi contatta telefonicamente potrò spiegarle la questione in modo esauriente
      Cordialmente. Avv francesca di nardo

      Pubblicato il 02 Dicembre 2016

      Logo Studio penale Di Nardo

      119 Risposte

      18 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande