Ascensore esterno e distanze legali

Inviata da A.F.. 2 giu 2016 1 Risposta

In un condominio di 10 appartamenti i condomini del 3º e 4º piano vorrebbero installare nella corte comune una piattaforma elevatrice a norma 13 (un proprietario ha una invalidità civile 67-99%, riconosciuta dall'Inps), a proprie spese, però una condomina del piano terra dice che detto ascensore le toglie la vista, la luce e l'aria perché troppo vicino alla sua veranda, circa 20-30 cm. Dalla parte opposta ha un muro perimetrale della chiostra, ed effettivamente ha solo la parte frontale di vista, luce e aria. Come si può procedere all'installazione della piattaforma senza che la signora si rivolga ad un giudiice per far valere i suoi diritti? C'è una legge che deroga a queste distanze in condominio e non tra edifici? Ringrazio per la risposta

Argomenti simili

1 Risposta

  • Miglior risposta

    Sottopongo alla Vostra attenzione la seguente pronuncia.
    L'ascensore non può qualificarsi come «costruzione» sottoposta al relativo regime giuridico delle distanze legali, poiché l'impianto di ascensore – al pari di quelli serventi alle condotte idriche, termiche etc. dell'edificio principale – rientra fra i volumi tecnici o impianti tecnologici strumentali alle esigenze tecnico-funzionali dell'immobile.
    È quanto statuito da una recente decisione del Consiglio di Stato (sez. IV, sentenza 5 dicembre 2012, n. 6253 ) chiamata a pronunciarsi su appello proposto avverso sentenza del TAR Abruzzo - Pescara (sez. I, sentenza 24 febbraio 2012, n. 87) con riferimento ad un'ipotesi di diniego di permesso di costruire un ascensore esterno ad un fabbricato finalizzato all'abbattimento di barriere architettoniche.

    Come è noto, l'articolo 79 del Testo unico edilizia prevede espressamente che le opere finalizzate all'eliminazione di barriere architettoniche possono essere realizzate in deroga alle norme sulle distanze previste dai regolamenti edilizi (anche per i cortili e le chiostrine interni ai fabbricati o comuni o di uso comune a più fabbricati), ma che è in ogni caso fatto salvo l'obbligo di rispetto delle distanze di cui agli articoli 873 e 907 del codice civile nell'ipotesi in cui tra le opere da realizzare e i fabbricati alieni non sia interposto alcuno spazio o alcuna area di proprietà o di uso comune.

    Pubblicato il 04 Giugno 2016

    Logo Avv. Antonio Cesarini

    436 Risposte

    87 Valutazioni positive

Spiega il tuo caso ai nostri avvocati

Qual è la tua domanda? Gli avvocati esperti in materia rispondono
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come vuoi inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli avvocati della tua zona
    Per selezionare gli avvocati più adatti
    • 7550 Avvocati a tua disposizione
    • 5550 Domande inviate
    • 19750 Risposte inviate

    Domande simili: Vedi tutte le domande