Diritto immobiliare: beni immobili e proprietà immobiliare

La proprietà immobiliare rientra nella categoria dei diritti reali.

9 gen 2017 Attualità - Tempo di lettura: min.

avvocati

Cos'è un bene immobile? Quali tipi di proprietà immobiliare esistono?

Benché la definizione di "diritto immobiliare" non sia presente nei codici e nella legislazione, questa branca della giurisprudenza è utilizzata largamente e si occupa essenzialmente dei cosiddetti beni immobili e della loro proprietà. Quest'area, dunque, si occupa di pratiche come compravendite, locazione, leasing o proprietà.

Cosa s'intende per bene immobile?

La giurisprudenza spiega chiaramente il significato dei beni immobili, distinguendoli così da quelli mobili. L'articolo 812 del Codice Civile afferma che:

"Sono beni immobili il suolo, le sorgenti e i corsi d'acqua, gli alberi, gli edifici e le altre costruzioni, anche se unite al suolo a scopo transitorio, e in genere tutto ciò che naturalmente o artificialmente è incorporato al suolo".

I tipi di proprietà immobiliare

La proprietà immobiliare rientra nella categoria dei diritti reali. Secondo l'articolo 832 del Codice Civile, infatti, attraverso il diritto di proprietà "il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dall'ordinamento giuridico".

Quanti e quali tipi di proprietà immobiliare esistono? Conoscere questa differenziazione è indispensabile per conoscere i propri diritti in merito alla proprietà in possesso o che si vuole acquistare o vendere:

Intera o piena proprietà: in questo caso, il proprietario mantiene tutti i diritti in maniera esclusiva sulla sua proprietà.

Nuda proprietà: in questo caso, al diritto di proprietà viene sottratto temporaneamente un diritto reale di godimento (solitamente l'usufrutto). La nuda proprietà si trasforma in piena proprietà alla scadenza dell'usufrutto o alla morte dell'usufruttuario.

Multiproprietà: più soggetti hanno la proprietà di uno stesso immobile e ne usufruiscono a turno a seconda dei termini definiti dal contratto. Questo tipo di proprietà viene utilizzato principalmente nel caso di immobili turistici.

Comproprietà: il diritto di proprietà è in comune fra più persone (ad esempio fra più familiari). Per poter vendere l'immobile è necessario che siano d'accordo tutti i proprietari.

Proprietà superficiaria: in questo caso, si ha la proprietà delle mura dell'immobile e non del terreno che resta di proprietà di un altro soggetto. È il caso, ad esempio, del Comune che concede a un terzo il diritto di edificare sul proprio terreno.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in diritto immobiliare.

Lascia un commento

Condizioni

Articoli correlati